Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.stefanoscialotti.it/home/plugins/system/easygoogleanalytics/easygoogleanalytics.php on line 87
African.Women

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.stefanoscialotti.it/home/plugins/content/loadformmaker/loadformmaker.php on line 20

African Women

In viaggio per il premio Nobel della pace: un film di Stefano Scialotti, una produzione Dinamo Italia e Martha Production 2011

A sostegno della campagna NOPPAW (Nobel Peace Prize for African Women).

 

 

in collaborazione con Cipsi, Chiama l’Africa, Dinamolab, Ministero Affari Esteri Cooperazione allo Sviluppo

con il patrocinio di Consiglio Regionale del Lazio

 

SINOSSI

 

Il film di 52’  è un road movie attraverso il Senegal, un viaggio per sostenere la candidatura collettiva delle donne africane al Premio Nobel per la pace. Sono infatti loro le protagoniste indiscusse del documentario: forti, infaticabili, sempre disponibili,  ironiche e gioiose, hanno assunto negli anni un crescente ruolo di traino sia nella vita quotidiana che nell’attività politica e sociale del continente africano.

Il viaggio-reportage è costellato di interviste spontanee e parte dal World Social Forum di Dakar 2011, per arrivare a Sendou, dove le donne, durante una grande festa di  danze,  insegnano educazione sessuale e la prevenzione contro l’AIDS.  Lungo il percorso si incontrano in successione la cooperativa della donne per l’essicazione del pesce nel villaggio di Bargny Minam, il gruppo delle donne Kaye Bahk di Mbour, che finanziano le proprie attività agricole attraverso il microcredito e le ragazze di Pikine, città alla periferia di Dakar che attraverso il progetto di adozione scolastica delle ragazze, ha raggiunto negli anni una scolarizzazione per lo più femminile. Si prosegue quindi con la storia di una famiglia poligama e l’incontro con il COFLEC, collettivo delle donne per la lotta contro l’emigrazione clandestina.

 

 

 

 

NOTE DI PRODUZIONE

 

L’idea guida del film è stata suggerita da un gruppo di donne che durante la manifestazione di apertura del World Social Forum di Dakar (febbraio 2011) proponeva uno striscione con la scritta “Pour l’attribution du Prix Nobel pour La Paix 2011 aux Femmes Africaines”.

Obiettivo del documentario è promuovere e sostenere la campagna NOPPAW (Nobel Peace Prize for African Women) e mostrare perché si è giunti a questa proposta.

Si sono  raccolte  interviste e testimonianze di molte donne durante la marcia di apertura, e durante il Dakar World Social Forum e, successivamente, in giro per il Senegal nel mese di giugno 2011.

Le brevi interviste (60-90 secondi) si alternano alle immagini, che mostrano momenti esemplari della vita delle donne africane e illustrano in modo semplice ma emozionante le loro molteplici attività.

Il documentario si presenta come un film veritè: si è cercato di entrare in empatia con le donne senegalesi e le loro vite, andando oltre le immagini stereotipate e cercando di oltrepassare il filtro tra chi filma e chi viene filmato. Le piccole telecamere digitali diventano protagoniste assieme alle donne, senza mai disturbarle, ma lavorando e giocando con loro.

La colonna sonora è di Louis Siciliano, che ha preso parte al viaggio lavorando e suonando con dei musicisti locali, coinvolti nella campagna, per una sorta di partitura partecipata.

 

 

Le donne di African Women lo sanno

Le note di Le donne lo sanno di Luciano Ligabue accompagnano le immagini tratte dal film African Women – In viaggio per il Nobel della Pace di Stefano Scialotti . Il video musicale, realizzato da Scialotti a sostegno della campagna NOPPAW ( Nobel Peace Prize for African Women), è stato presentato in anteprima assoluta al Festival del Cinema di Roma il 28 ottobre 2011 prima della proiezione di African Women.

 

 

Luciano Ligabue e Ligachannel  hanno sostenuto così la campagna NOPPAW a favore di tutte le donne africane.

 

“Le protagoniste del film diventano attrici perfette che volano e danzano tra le note e le parole di Ligabue”, dichiara Stefano Scialotti. “E’ come se le parole e le note della canzone fossero state scritte pensando a loro: siamo rimasti noi stessi colpiti ed emozionati da questa affinità ed armonia spontanee. Ringraziamo Luciano Ligabue che ha accettato di sostenere la campagna Walking Africa.”

 

La clip è stata realizzata per sostenere WALKING AFRICA, campagna lanciata da CIPSI e ChiAma l’Africa per attribuire alle donne africane un riconoscimento per il loro ruolo di sviluppo e pace nel continente africano. Raggiunto un primo risultato con l’assegnazione del premio Nobel per la pace 2011 a due donne africane e una yemenita, la campagna continua.

 

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok