Progetto Biennali del Mondo

Artefacta e il Progetto Biennali del Mondo: una produzione Dinamo Italia 2000-2008, a cura di Stefano Scialotti e Mary Angela Schroth

 

 

 

Come nasce. Nel 2000 la Dinamo Italia srl, in collaborazione con il Ministero Affari Esteri,  RAISAT Art e poi  Cult Network di SKY Italia   ha dato vita ad una serie di documentari sulle  “Biennali del mondo”.

 

Artefacta-  Nel 2007 in collaborazione con Istituto Enciclopedia Italiana Treccani

si è realizzata Artefacta format multimediale on line con oltre 400 film su tutta la 52° Biennale Arti Visive di Venezia.

 

Obbiettivi. Un’interazione con quelle Biennali del mondo, periferiche o “altre” rispetto a Venezia, per storia ed ubicazione,  realizzando anche una sinergia positiva tra Venezia “madre” di tutte le Biennali e la varie “figlie” sparse nel mondo.

Le Biennali di Avana, Cairo, San Paolo,  Shanghai, Dakar  hanno confermato la  forte relazione  sussistente  in tali luoghi tra gli artisti  e le città o le regioni che ospitavano le manifestazioni, nonché la grande vitalità delle arti visive  nei paesi con un diverso livello di sviluppo economico.

 

In particolare finalità del progetto già in parte realizzate:

 

a) Una biografia delle Biennali e delle città che le ospitano

Realizzare attraverso gli artisti e le loro opere  una biografia degli stili di vita, delle architetture, dei principali temi politici e sociali della metropoli ospitanti.

 

b) Un archivio artistico, storico e sociale unico al mondo

Un archivio delle Biennali del mondo che si configura come uno strumento quasi unico di testimonianza e dialogo in divenire  tra le culture e le religioni.

c) Attraverso l’arte: un dialogo concreto tra Nord e Sud del mondo  

Aprire e facilitare attraverso l’arte contemporanea un dialogo tra il Nord e Sud del mondo, tra le diverse religioni e culture.

Vai a ARTEFACTA VENEZIA