VII Biennale delle arti visive dell’Avana 2000

Uno más cerca del otro”

Produzione Dinamo Italia , regia Stefano Scialotti 30’

Tutto il progetto biennali   è partito qui.  Dilatata in modi ufficiali e non in tutta l’Avana,  questa biennale contamina questa città unica nel suo genere.  Il “regime” di  Castro,  il comunismo sopravvissuto in modo cubano, i miti del capitalismo come le vecchie auto ancora presenti e vitali,  il grande esperimento socio-politico a pochi chilometri dai cugini nordamericani, l’utopia e la vita di tutti i giorni,  la religione cattolica e la santeria , l’irripetibile sincretismo culturale di Cuba.

Il filmato è  quindi una biografia della città, nel 2000 ancora con Castro nel pieno delle energie e poteri, delle sue architetture, dei modi di vita, del particolare ultimo comunismo cubano.

Tutto ciò visto attraverso gli artisti, molti cubani e alcuni internazionali, e le loro opere. La domanda di fondo è come gli artisti vivono la specialissima e unica condizione di Cuba?